Aiutaci
Sponsor

Logo Gruppo Fondiaria


Logo Sasa


Logo Castelvecchio


Logo Trudi


Logo Provincia Gorizia


Logo Città di Monfalcone
Partner

Logo Alto Adriatico


Logo Navico


Logo Movendo


Logo Syac


Logo Tecnoteca


Logo KoraComunicazione


Logo Harken


Logo Lofu
 
Ma chi sono i bambini chirurgici?

bimboCiao a tutti, sono Giusy, la fondatrice di ABC.

Oggi avevo voglia di raccontarvi un po’ più approfonditamente per chi Margherita sfiderà il Mediterraneo da Trieste a Genova durante il prossimo marzo.

Molti si chiederanno “ma chi sono questi Bambini Chirurgici?” Sinceramente non ne sapevo nemmeno io l’esistenza finché non ho “toccato con mano”.  Sono forse tutti quelli che passano per la chirurgia di qualsiasi ospedale pediatrico? Anche, ma non solo! Vorrei raccontavi un po’ di più….

Non tutti i bambini nascono sani, alcuni sono portatori di malformazioni che dipendono da  malattie o da sindromi non così comuni. Vi faccio qualche esempio? Il piede torto, il labbro leporino, tumori, atresie…

Per fortuna tutto questo non capita così spesso, ma può succedere! Questo tipo di malformazioni nella gran parte dei casi si possono curare, magari non tutte potranno guarire definitivamente, ma consentiranno al bimbo e alla famiglia di avere una buona qualità di vita. Tutto attraverso terapie chirurgiche che comportano però un cammino molto spesso lungo e faticoso per il piccolo e la sua famiglia.

Infatti nei primi anni di vita, talvolta anche più in là, il bimbo é sottoposto a parecchi interventi chirurgici (grandi e piccoli). Una sola operazione non è risolutiva, infatti la Chirurgia Pediatrica ha un grande rispetto per il piccolo paziente che è “speciale” perché in continuo divenire, neonato di oggi ed adulto di domani. Insomma tutela il  divenire  del bambino. Le terapie sono pensate ed adattate al singolo soggetto e ad ogni epoca della sua vita, nel pieno rispetto del suo sviluppo fisiologico e della crescita.

Quindi da una parte ci sono grandi prospettive che la chirurgia e la medicina danno per questo tipo di malattie (molto spesso diagnosticate in gravidanza), dall’altra il faticoso cammino di chi ne è affetto e della sua famiglia.

Margherita sfiderà il Mediterraneo proprio per questi bambini e le loro famiglie, per dare un forte segnale di solidarietà e speranza, per urlare ai quattro venti (è proprio il caso di dirlo!) anche da parte di ABC “Siamo con voi!” , per far conoscere questo tipo di malattie di cui pochi sanno l’esistenza e per poter dire, a chi li sta cercando, che ci sono dei validissimi centri di riferimento anche in Italia per questo tipo di patologie.

Margherita, buon vento!!!